Sagittario: luci ed ombre del segno

Premessa : nel gergo dell’astrologia popolare, dire che una persona è “un Sagittario” significa che al momento della sua nascita il Sole si trovava in quel segno.

Siccome il Sole occupa una posizione centrale nel Sistema Solare e, dal punto di vista astrologico, è associato al senso di identità e al processo di individuazione, la sua posizione per segno zodiacale può essere considerata la “nota di fondo” di ogni progetto esistenziale; la sua essenza archetipica. Solo l’analisi del tema natale nella sua interezza potrà però aiutarci a definire in modo accurato come le energie del segno solare tenderanno a dispiegarsi nella vita di ciascun individuo.

Luci ed ombre del segno dovranno essere rapportate anche al livello di coscienza della persona, una variabile non direttamente deducibile dall’osservazione di un tema natale.

Identikit astrologico

All’interno del ciclo zodiacale il Sagittario si distingue per essere un segno: 

> maschile : con energia di tipo yang ;

> mobile (chiude la stagione autunnale) : caratterizzato da un principio di flessibilità e di  adattamento;

> appartenente all’elemento fuoco: energia radiante, fiducia , iniziativa.

I suoi pianeti guida sono:

>Giove (domicilio primario), che rappresenta: l’espansione (a livello fisico, mentale e spirituale), la propensione a collegarsi a qualcosa di più grande di noi (i principi universali più elevati, il nostro Sé Superiore, il divino…ecc), il bisogno di migliorare, la mente sintetica e i processi associativi.

>Nettuno (domicilio secondario), che rappresenta: il bisogno di trascendere e di superare (o fuggire) le limitazioni della materia, l’immaginazione, l’ispirazione, il bisogno di ritornare alla Sorgente e di fondersi con la totalità.

Parole chiave: fiducia, entusiasmo, esplorazione, superamento dei propri limiti, conoscenza, intuizione, ispirazione, ricerca di senso e di verità.

Cenni mitologici

L’immagine simbolica più ricorrente per descrivere il Sagittario è quella del Centauro, un essere mitologico per metà uomo e per metà cavallo, sempre pronto a scagliare una freccia verso un bersaglio lontano nell’orizzonte, per poi galoppare rapidamente in quella direzione.

L’eccitazione per la messa a fuoco di un nuovo obiettivo e il fascino del viaggio sono le tematiche centrali di questa metafora.

Il Sagittario è mosso dall’energia dell’elemento fuoco, nella sua modalità mobile e per finalità gioviali (e nettuniane); ha bisogno di viaggiare e di esplorare, non solo per espandere le sue conoscenze, ma anche per assecondare uno spirito di avventura che gli infonde vitalità.

Nel mito greco quasi tutti i centauri erano figure selvatiche, crudeli, grossolane e dedite agli eccessi; la loro mente era dominata dall’instinto e dai desideri inferiori. Solo Chirone riuscì a sublimare la sua parte animale, dimostrando che poteva interagire in modo armonico con quella umana, e divenne un maestro saggio che seppe guidare gli eroi verso la vita, trasmettendo loro l’entusiasmo per il progresso, i principi più elevati e l’aspirazione gioiosa, incentivandoli ad esplorare svariate esperienze al fine di conoscersi meglio.

Come Chirone, per evolvere ed elevarsi, i Sagittario dovranno superare la dualità tra la loro parte istintiva (la metà cavallo del centauro) e quella mentale-spirituale (la metà umana del centauro), imparando a far convivere armoniosamente la loro natura passionale e istintiva, con le loro intuizioni e ispirazioni.

Immagini “archetipiche” elevate: un viaggiatore entusiasta / uno studente curioso con capacità oratorie e di sintesi che diventerà un ottimo insegnante / un filosofo ispirato / un ricercatore di verità (intellettuale-spirituale)/ una persona gioviale che sa ispirare gli altri e trasmettere fiducia e buonumore / una persona onesta che cerca di migliorarsi / un abile motivatore.

Immagini “archetipiche” degradate: un nomade irrequieto che vaga senza uno scopo / un “professorone” sempre pronto a impartire lezioni di vita al malcapitato di turno / un predicatore fanatico che si ostina a cercare di convertire gli altri alla sua verità/ un clown maldestro e spaccone con la cattiva abitudine di spararle sul muso/ una persona incurante e trasandata che si gode i piaceri più superficiali della vita / un dispensatore di consigli non richiesti.

Luci

Una natura ottimista e la propensione ad allargare i propri orizzonti conoscitivi sono punti di forza comuni ai nativi del segno. I Sagittario meno intellettuali, avvertiranno la spinta ad espandersi soprattutto nella dimensione fisica dell’esistenza. I viaggi potranno divenire il loro principale strumento di conoscenza e di accrescimento culturale. Per queste persone viaggiare non è solo un mezzo per svagarsi, ma un processo conoscitivo che può stimolare una profonda rigenerazione interiore. Il loro interesse per altre culture, usi e costumi è autentico, e l’esplorazione avventurosa di nuovi territori è uno dei modi migliori per stimolare la loro vitalità.

Ma non tutti i Sagittario sono dei viaggiatori incalliti. Per molti nativi le tendenze espansive ed esplorative, tipiche del segno, riguarderanno prevalentemente la dimensione mentale o spirituale dell’esistenza.

In questi casi sarà l’avventura dell’incontro con sé stessi a divenire prioritaria, e la mobilità sarà inerente allo spaziare con la mente tra i concetti filosofici e spirituali più disparati.

Una naturale propensione ad afferrare intuitivamente i concetti essenziali di diversi ambiti di conoscenza, ricercando i collegamenti più significativi, unita alla capacità di semplificare e di trasmettere le proprie conoscenze con entusiasmo, rende molti Sagittario degli abili insegnati.

Il segno è governato da Giove, pianeta considerato benefico dall’astrologia tradizione, e dispensatore di ogni fortuna secondo l’astrologia più ingenua e popolare. In effetti alcuni Sagittario sembrano essere particolarmente fortunati, ma a ben vedere la loro propensione alla buona sorte è spesso la naturale conseguenza del loro atteggiamento positivo, e della fiducia che nutrono nei confronti della vita e delle loro potenzialità. L’atteggiamento fiducioso e la capacità di proiettarsi positivamente (con le proprie visioni e con la propria immaginazione) nel futuro, possono aprire “magicamente” molte porte nella vita. Se ciò non bastasse la loro intuizione particolarmente sviluppata spesso li porterà ad essere sincronicamente al posto giusto nel momento giusto.

La fiducia che molti Sagittario nutrono nei confronti della vita nasce dalla percezione intuitiva del suo significato intrinseco; questo è il vero presupposto di un percorso di ricerca che può portarli molto lontano.

La saggezza che molti nativi maturano nel corso degli anni è il risultato della capacità di elaborare le loro esperienze, dandogli il giusto peso-significato. Una manifestazione di questa saggezza è la propensione a non prendere la vita (e sé stessi) troppo seriamente. Un’altra virtù comune a molti Sagittario è la capacità di diffondere gioia e di divertire gli altri, una caratteristica che li rende molto ricercati tra i loro amici e conoscenti.

Il Sagittario evoluto crede in sé stesso e ha il coraggio di muoversi attivamente per concretizzare le sue visioni e per sostenere i suoi ideali. Non è spinto da un’inquietudine improduttiva, ma da una naturale propensione a migliorarsi. Non gli basterà l’effimera eccitazione del viaggio per sentirsi gratificato, avrà bisogno di mettere bene a fuoco i suoi bersagli e di raggiungere degli obiettivi concreti, per poi condividere le conoscenze che ha maturato lungo il suo percorso.

Ombre

Molti degli aspetti ombra del segno sono legati al rischio di eccessi, ad un rapporto potenzialmente conflittuale con la realtà, alla carenza di discriminazione sottile, e alla convinzione presuntuosa di essere sempre “nel giusto”.

In nome della franchezza e dell’onestà intellettuale alcuni Sagittario possono sentirsi autorizzati a dire tutto ciò che gli passa per la mente, ferendo le persone più sensibili con osservazioni terribilmente schiette.

I “centauri” che hanno questo problema dovranno imparare che la propensione alla lealtà e all’onestà, per poter essere considerata una virtù, non dovrebbe essere disgiunta dal tatto e dalla bontà d’animo. La sincerità non dà infatti alcun diritto di offendere, di attaccare, o di criticare gli altri. Sviluppare l’arte del silenzio e del controllo della parola potrà esercitare effetti benefici sui Sagittario più inclini a prendere spazio con i loro interventi, che ad ascoltare con interesse gli altri nelle conversazioni.

Sull’onda dell’entusiasmo momentaneo alcuni Sagittario possono avere la tendenza a promettere più di quanto riusciranno a mantenere. Siccome si entusiasmano facilmente, non sempre brillano per discriminazione sottile (associabile a Mercurio, che è in esilio nel segno), e possono avere una certa difficoltà ad adeguarsi ai limiti della realtà materiale (il fuoco non ama essere contenuto, soprattutto se ha una natura mobile), le loro visioni non sono sempre focalizzate e qualche freccia verrà inevitabilmente scagliata nel vuoto. Per gli stessi motivi l’auto-valutazione della loro competenza, in alcuni ambiti potrà rivelarsi ingenuamente ottimistica, e alcuni loro progetti potranno risultare troppo idealistici e poco ancorati alla realtà.

Se le spinte espansive di Giove non sono supportate da un’adeguata elaborazione del proprio vissuto, il Sagittario potrà essere pervaso da un profondo senso di insoddisfazione che cercherà di placare con una “mobilità” eccessiva, priva di direzione. Potremo così avere persone ingorde, mai sazie dal punto di vista alimentare, dongiovanni sempre alla ricerca di nuove avventure sentimentali-sessuali (come Zeus nel mito), studiosi incapaci di tenere ferma la loro mente, o viaggiatori compulsivi che credono che la felicità e la fortuna si nascondano dietro l’angolo che devono ancora esplorare.

Il terrore di restare imprigionati in situazioni vincolanti può comportare qualche problema relativo all’assunzione di responsabilità e all’adempimento dei propri doveri. I Sagittario detestano sentirsi limitati, e hanno bisogno di credere di poter avere sempre a disposizione una via di fuga, nel caso in cui le situazioni diventino troppo stagnanti.

In casi estremi alcuni Sagittario potranno soffrire della sindrome di Peter Pan, e scansare a priori responsabilità e doveri, per potersi sentire sempre liberi di cambiare traiettoria quando lo desiderano, senza dover rendere conto a nessuno. Così facendo si candideranno a restare immaturi.

Se l’energia di Nettuno (trascendenza) non viene armonizzata adeguatamente con quella di Giove (espansione), alcuni Sagittario, spinti dal fervore mistico della loro fede e dalla convinzione di essere “dalla parte della verità”, potranno cercare di imporre agli altri il loro credo.

In casi estremi potranno esserci dei veri e propri deliri di santità, nei quali l’importanza della propria esperienza spirituale verrà ingigantita; il contatto col transpersonale potrà innescare un’espansione delirante dell’Io.

Un altro pericolo inerente allo sbilanciamento delle energie di Giove e di Nettuno potrà essere l’adesione incondizionata agli insegnamenti di qualche guru (considerato alla stregua di una divinità), o l’appartenenza indiscriminata a qualche movimento religioso o setta.

Come farlo (-la) scappare: criticando i suoi progetti e la sua visione del mondo, cercando di tenerlo ancorato al passato, prendendo la vita troppo seriamente, cercando di fargli assumere degli impegni troppo vincolanti.

⇒ Come conquistarlo (-la): proponendogli nuovi viaggi e nuove avventure, condividendo progetti, stimolandolo mentalmente, conversando con lui sui grandi perché della vita, facendolo divertire.

⇒ A livello collettivo: la funzione del Sagittario è inerente alla necessità di stabilire delle leggi e dei codici morali che aiutino gli individui a comportarsi nel modo giusto e a convivere civilmente tra loro, migliorando la società. Tutti i segni mobili hanno a che fare con l’abilità nel creare collegamenti, al Sagittario spetta l’arduo compito di migliorare la relazione tra l’uomo e Dio, ricercando valori eterni che possano aiutare l’uomo a riconnettersi con i grandi principi universali.

⇒ Dal punto di vista evolutivo: il segno del Sagittario rimanda all’esigenza di comprendere la nostra connessione con l’Universo tramite un ampio contesto cosmologico, filosofico o metafisico di riferimento. Il segno è simbolicamente associato all’onestà e alla verità, in virtù di una connessione privilegiata che molti nativi hanno con la legge naturale, e della loro comprensione intuitiva dei principi che descrivono il funzionamento della creazione.Per evolvere i Sagittario dovranno integrare alcuni aspetti del loro segno polare (i Gemelli) realizzando una sintesi armonica che gli consentirà di trasmettere le loro intuizioni con un linguaggio chiaro, senza saltare dei passaggi logici, in modo che siano accessibili ai più. Dovranno inoltre apprendere che ogni verità è relativa, e che diversi sentieri possono portare alla stessa meta.